• RSS
  • Add To My MSN
  • Add To Windows Live
  • Add To My Yahoo
  • Add To Google

First Preview of .NET Micro Framework SO_DIMM module with on-board “sideshow” co-microcontroller 

Posted by Lorenzo Maiorfi Monday, December 15, 2014 8:07:06 PM
Rate this Content 0 Votes

 

During latest months in Innovactive we’ve been busy working on a brand new (revolutionary?) board targeted to professional applications, primarily for industrial branch. Here you can take a look to a picture showing both sides of the module: on top side (on the left) you can see main STM32F427 microcontroller, while on the bottom side are placed the co-microcontroller (whose main purpose is that of taking care of real-time features, wide-band analog-to-digital conversions and much, much more), Ethernet PHY chip and an SPI flash memory.

Several original features have been introduced in this ambitious module, but no doubt the most substantial are:

  • 2 microcontrollers on same board, with complementary responsibilities:
    • STM32F427 with 256Kb RAM and 2Mb Flash memory, powered by “Mountaineer” porting (purposely developed by amazing Oberon staff!), available also in “Prime” flavor
    • Cypress PSoC5LP, targeted to low-level operations; thanks to its awesome hybrid nature, enforcing an FPGA/CPLD structure surrounding a Cortex-M3 core, its superior support to analog signals management and quality of development toolchain provided by Cypress (including many ready-to-use components libraries that provide access to PSoC countless built-in peripherals, where, for example, any couple of pins can be used as an UART port), this microcontroller is probably the best “sideshow” processor possible for a .NETMF-based solution
    • Intra-board communication bus: the two microcontrollers share roughly ten signal lines, among whom a dedicated 4-wire SPI bus (with master-side on STM32 and slave-side on PSoC) providing high-speed data exchange capabilities
  • Modular form-factor, based on Jedec SO-DIMM 200 pins design
  • Reference “carrier” board, where SO-DIMM module fits through 200 contacts mating connector, containing two USB device connector (one to STM32 primary USB controller, usually configured in order to work as debugging interface for .NETMF-based firmware, and one connected to PSoC acting as a programmable USB device like CDC, HID or Mass-Storage), Ethernet connector (exposing built-in STM32 network controller) and 160 pins (2x80 on both sides) .2 mm socket expansion connectors, whose purpose is that providing docking for “vertical” sideboards designed for specific purposes (e.g. PLC functions, multi-network gateways, building automation controllers, smart-metering, etc.)
  • Availability of JTAG/SWD debugging port of both microcontrollers directly on SO-DIMM board itself. Together with managed (typically USB-based) .NETMF firmware debugging, this will allow 3 (!) simultaneous debugging sessions toward STM32 (both managed and native) and PSoC running code!

Of course, all that has been done thanks to companies that supported us since first envisioning phases, primarily MicroTech (based in Chiusi, Italy), our Swiss friends of Oberon Microsystems and whole Mountaineer Group people: thank you all, guys!

Soon (maybe before the end of this year) we’ll post an hands-on review of NETMF SO-DIMM module, together with its first reference carrier board; so, as they usually say in these cases…stay tuned!

Aggiornare il sistema di sviluppo Netduino 

Posted by Marco Lai Wednesday, December 10, 2014 9:26:00 AM
Rate this Content 0 Votes

Nonostante i pochi aggiornamenti, il progetto .Net Micro framework è ancora vivo e secondo i progettisti nel prossimo futuro avremmo importanti sviluppi della piattaforma, soprattutto considerando l’impegno di Microsoft sul fronte IoT.

Personalmente mi fa piacere avere degli aggiornamenti per questa piattaforma che reputo, nonostante le performance non esaltanti, molto semplice e versatile. Gli ultimi aggiornamenti riguardano la possibilità (finalmente) di utilizzare, come sistema di sviluppo, Visual Studio 2013.
Inoltre Microsoft ha recentemente rilasciato la versione Comunity che rende disponibile una serie di strumenti per lo sviluppo di diverse tipologie di applicazioni, comprese le app per Windows Phone e quelle per la piattaforma Azure.
L’edizione Comunity porta anche la possibilità di installare plug-in, opzione preclusa per le precedenti versioni Express.

Continua a leggere su logicaprogrammabile.it

Node-RED, flow-based programming per l’IoT su HTML.it 

Posted by Paolo Patierno Tuesday, December 02, 2014 2:25:15 PM
Rate this Content 0 Votes

node-red-guida

A partire da oggi, su HTML.it, inizia la pubblicazione di una nuova guida che ho scritto molto volentieri, in quanto ritengo l’argomento in oggetto molto importante ed utile nell’ambito dell’Internet of Things : sto parlando di Node-RED !

Nel corso del primo capitolo, viene introdotto il concetto di flow-based programming che rappresenta il paradigma di programmazione su cui si basa Node-RED in modo da poterne capire i concetti fondamentali prima di iniziare ad utilizzarlo praticamente.

Spero mi seguiate numerosi per poter scoprire le potenzialità di questo strumento nell’ambito dell’Internet of Things !

Sorriso

In esclusiva per TinyCLR.it un’anteprima del primo modulo .NET Micro Framework con co-microcontrollore dedicato! 

Posted by Lorenzo Maiorfi Sunday, November 16, 2014 6:27:00 PM
Rate this Content 0 Votes

In questi ultimi mesi in Innovactive siamo stati impegnati nella progettazione di una nuova (rivoluzionaria?) scheda destinata ad essere utilizzata in applicazioni professionali (tipicamente in ambito industriale) di cui postiamo qui una foto in anteprima.

Gli elementi innovativi introdotti sono numerosi, ma tra i più significativi vanno sottolineati senza dubbio:

  • Presenza di due microcontrollori con funzioni complementari sulla stessa scheda:
    • STM32F427 con 256Kb di RAM e 2Mb di Flash con porting .NET Micro Framework “Mountaineer” (curato personalmente dallo staff tecnico Oberon), anche con opzione “Prime”
    • Cypress PSoC5LP per funzioni “real-time”; forte della sua natura ibrida (coesistono nel PSoC un CPLD ed un core Cortex-M3), del suo straordinario supporto alla gestione dei segnali analogici, della completezza delle librerie fornite da Cypress (con completo supporto a USB, File System FAT su Secure Digital, componenti per l’implementazione di stadi DSP e un’infinità di modi differenti di utilizzare le più comuni tipologie di porte di comunicazione quali SPI, I2C e UART) il PSoC rappresenta senz’altro un’ottima “spalla” in applicazioni basate su .NET Micro Framework
    • Bus Intra-Scheda: i due microcontrollori condividono una decina di I/O, tra cui una porta SPI ed una UART, in modo tale da semplificare l’implementazione di un bus di comunicazione interno alla scheda stessa
  • Form-factor modulare basato su design SO-DIMM
  • Modulo carrier “reference” (sul quale si innesta il modulo SO-DIMM) contenente le connessione principali (USB microcontrollore principale, USB microcontrollore secondario, Ethernet) e concepito per “riesporre”, tramite due connettori a passo 2mm, la maggioranza degli I/O dei due micro controllori a “expansion-board” dedicate a funzioni specifiche
  • Esposizione di entrambe le connessioni JTAG/SWD direttamente sul modulo SO-DIMM. In applicazioni complesse questo consentirà il debugging simultaneo dei 3 firmware (!) relativi a STM32 managed, STM32 nativo (tramite interop .NET Micro Framework “classica” o tramite “RLP Lite”) e PSoC (ovviamente nativo)

Ovviamente tutto questo non sarebbe stato possibile senza la collaborazione delle aziende che ci hanno supportato, in particolare MicroTech di Chiusi (http://www.u-tech.it) e i nostri amici svizzeri della Oberon Microsystems (http://www.oberon.ch) e del gruppo Mountaineer (http://www.mountaineer.org).

A breve pubblicheremo una recensione dei primi prototipi prodotti, perciò, come si dice di norma in questi casi, “stay tuned!”.

Esplora l’immagine “Windows for IoT” della Intel Galileo (Gen2) comodamente sul tuo PC ! 

Posted by Paolo Patierno Tuesday, October 28, 2014 5:24:12 PM
Rate this Content 0 Votes

Vi siete iscritti al Windows Developer Program for IoT e siete in attesa della board oppure avete ordinato una Intel Galileo (Gen2) sulla quale caricherete l’immagine di Windows messa a disposizione sul sito ufficiale ? Siete in attesa delle board ma siete curiosi di sapere quali siano i componenti inclusi nell’immagine di Windows for IoT ?

Una soluzione c’è !

Una volta scaricato il file WIM del sito, è possibile eseguirne il mounting attraverso il comando DISM nel modo seguente :

dism /Mount-Wim /WimFile:<path_wim_file> /Index:1 /MountDir:<path_dir_mount>

Ad esempio :

dism /Mount-Wim /WimFile:C:\Users\ppatierno\Downloads\9600.16384.x86fre.winblue_rtm_iotbuild.140925-1000_galileo_v2.wim /Index:1 /MountDir:C:\Galileo

Attenzione !! La cartella in cui montare va creata prima.

01

Al termine di tale operazione, attraverso esplora risorse potrete vedere comodamente sul vostro PC il contenuto dell’immagine di Windows per la vostra Intel Galileo !

02

Infine, per poter cancellare la cartella creata, è necessario in primo luogo eseguire l’unmounting con il seguente comando :

dism /Unmount-Wim /MountDir:<path_dir_mount> /Discard

03

Sorriso

Page 1 of 45 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 40 > >>